• La Canzone del giorno

    Canzone del 23 luglio

    Non li conoscevo bene, poi ho visti recentemente il loro concerto al Lucca Summer Festival e ho scoperto che i Kasabian mi piacciono un sacco!

    Eccovi Goodbye Kiss…un po’ di romanticismo ogni tanto non guasta…

  • Citazioni

    Ubriacatevi!

    Bisogna sempre essere ubriachi. Tutto qui: è l’unico problema. Per non sentire l’orribile fardello del Tempo che vi spezza la schiena e vi piega a terra, dovete ubriacarvi senza tregua.

    Ma di che cosa? Di vino, di poesia o di virtù: come vi pare. Ma ubriacatevi.

    E se talvolta, sui gradini di un palazzo, sull’erba verde di un fosso, nella tetra solitudine della vostra stanza, vi risvegliate perché l’ebbrezza è diminuita o scomparsa , chiedete al vento, alle stelle, gli uccelli, l’orologio, a tutto ciò che fugge, a tutto ciò che geme, a tutto ciò che scorre, a tutto ciò che canta, a tutto ciò che parla, chiedete che ora è: e il vento, le onde, le stelle, gli uccelli, l’orologio, vi risponderanno:

    – E’ ora di ubriacarsi! Per non essere schiavi martirizzati dal Tempo, ubriacatevi, ubriacatevi sempre! Di vino, di poesia o di virtù, come vi pare.

    “Ubriacatevi“, tratto da Lo Spleen di Parigi di Charles Baudelaire

  • Libri & Fumetti

    Video girl Ai – Yota Moteuchi

     

    Quando ero più piccola, quattordici, quindici anni, leggevo avidamente Video Girl Ai.

    Un mio amico del mare appassionato di fumetti me lo aveva fatto conoscere e da allora, non ho potuto smettere di leggerlo.

    Ricordo che l’inverno successivo e gli anni dopo aspettavo con ansia che passassero quindici giorni per andare in edicola e comprare il nuovo numero appena uscito. E non era facile neanche trovarli i manga, allora.

    Io non mi immedesimavo in nessuna delle ragazze, mi immedesimavo in lui, in quello che provava o meglio, forse sì, un po’ mi immaginavo di essere io la persona cui questo personaggio dedicava certi pensieri, certi sentimenti. Ma non come Moemi, o come Ai – questa tra le due ovviamente la mia preferita – ma piuttosto, come me, Eva.

    Sì, credo proprio di essermi innamorata di questo Yota Moteuchi. Per quanto possa sembrare folle invaghirsi di un personaggio dei fumetti.

    Questa è la scena che con ansia ho aspettato, sperato che capitasse, immaginato, fantasticato.

    Il numero 10 della serie, intitolato Sentimenti.

    Semplicemente indimenticabile.

  • Libri & Fumetti

    Polina ~ Bastien Vivès

    C’è chi nasce con una vocazione.

    C’è chi ci si trova, per motivi diversi, che all’ inizio neanche dipendono da lui, ad inseguire un sogno.

    Polina balla. Fin da piccola, prende lezioni di danza classica e quella diventa la sua vita. L’impegno, la ricerca della perfezione, la ricerca di un’identità, nel ballo, come nella vita.

    Accanto a lei, vari personaggi  la accompagnano ed assistono ai suoi cambiamenti, la spingono, talvolta la ostacolano. Primo fra tutti, il temutissimo insegnante Bojinski che intravede in lei, fin dall’inizio, una luce, un’artista.

    Un artista è sempre insoddisfatto. Perché ricerca la perfezione. Ed è solo alla fine della sua vita che potrà rendersi conto del reale valore di ciò che ha realizzato.

    Polina, imparerà a rendersene conto.